Armonie svelate #ilfestivalnonsiferma. I sabati in musica, concerto a puntate

Il taglio del nastro dell’edizione numero 57 del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo è rimandato, tuttavia proprio da sabato 25 aprile, giorno previsto per l’inaugurazione, la musica classica torna nelle case degli appassionati con un concerto digitale trasmesso a puntate e commentato dal direttore artistico Pier Carlo Orizio.
«In questo periodo di indefinitezza stiamo portando avanti la nuova programmazione del Festival, che guarda a dopo l’estate – racconta il direttore artistico Pier Carlo Orizio – Ma non volevamo lasciar passare il 25 aprile senza dare al nostro pubblico un segno che esprimesse la nostra vicinanza. Lo schermo di un computer o di uno smartphone non può certo sostituire lo spettacolo dal vivo, ma può regalare un piccolo ricordo dell’atmosfera del Festival durante questi momenti di sospensione delle attività, nell’attesa di poterci incontrare nuovamente a teatro».


Il Festival sabato 25 aprile ripropone il concerto della Filarmonica del Festival diretta da Pier Carlo Orizio con solista Francesco Piemontesi, registrato a Teatro Grande l’anno scorso. Protagonisti del concerto, i compositori romantici Johannes Brahms e Robert Schumann, a cui era dedicata la 56sima edizione. Proprio da Brahms e dal suo Concerto n.2 per pianoforte e orchestra partirà un viaggio che terrà compagnia agli affezionati del Festival fino a metà giugno. Ogni sabato mattina infatti Pier Carlo Orizio proporrà al pubblico un commento, aneddoti e aggiornamenti sulla situazione del Festival, a cui seguirà un movimento del concerto.
Dopo Brahms sarà la volta di Schumann, con la Sinfonia n.4. Con questo pezzo la Filarmonica e il suo direttore principale hanno raccolto ottime recensioni dalla critica e dal pubblico in occasione della prima tournée italiana dell’orchestra.«Proporre questo concerto è un modo per valorizzare la nostra orchestra, composta per la maggior parte di giovani professionisti, che oggi stanno soffrendo in modo particolare. Spero che, di pari passo con il Festival, verranno adottate al più presto misure di sostegno per il mondo delle orchestre come la nostra» continua Orizio.
«Vorrei ringraziare tutti gli abbonati che non stanno facendo mancare il proprio sostegno. È un periodo di grande incertezza per tutti i Festival, soprattutto per quanto riguarda la capacità di programmare date e presenze, ma ci tengo a far sapere loro che stiamo lavorando al massimo delle nostre possibilità per il recupero dell’edizione» conclude Orizio.
Pertanto appuntamento sabato 25 aprile sui canali Facebook e Instagram del Festival con il commento di Pier Carlo Orizio e il video del primo movimento del Concerto di Brahms. I video sono prodotti da Musicom.it con immagini video di Teletutto.
Tutti i movimenti saranno fruibili sul canale Youtube in una playlist dedicata fino all’ultima puntata del 16 giugno. A chiudere questo percorso, per tutta la giornata di domenica 14 giugno sarà online sul canale di Youtube del Festival il concerto completo.

CALENDARIO

Armonie svelate #ilfestivalnonsiferma
25/04 Brahms
CLIP B1: Allegro non troppo

02/05 Brahms
CLIP B2: Allegro appassionato

09/05 Brahms
CLIP B3: Andante

16/05 Brahms
CLIP B4: Allegretto grazioso

23/05 Schumann
CLIP S1: Moderatamente lento, Vivace

30/05 Schumann
CLIP S2: Romanza: Moderatamente lento

06/06 Schumann
CLIP S3: Scherzo (Vivace), Trio

13/06 Schumann
CLIP S4: Lento, Vivace, Più presto

UFFICIO STAMPA – LR Comunicazione – laura ruggieri 339/4755329 lrcomunicazione@lrcomunicazione.com

Articolo precedente[Wyznoscafo-tappa9] Nogaar con OT
Articolo successivoOrgan transcriprions – nuova incisione di Simone Vebber
Laureata in Filosofia all'Università di Bologna e curatrice degli archivi comunali di Riva del Garda, ha seguito un corso di specializzazione in critica musicale a Rovereto con Angelo Foletto, Carla Moreni, Carlo Vitali fra i docenti. Ha collaborato con testate specializzate e alla stesura di programmi di sala per il Maggio Musicale Fiorentino (Macbeth, 2013), Festival della Valle d'Itria (Giovanna d'Arco, 2013), Teatro Regio di Parma (I masnadieri, 2013) e Teatro alla Scala (Lucia di Lammermoor, 2014; Masnadieri 2019) e con servizi sulle riviste Amadeus e Musica. Attualmente collabora con la rivista teatrale Sipario. Svolge attività di docenza ai master estivi del Conservatorio di Trento sez. Riva del Garda per progetti interdisciplinari tra musica e letteratura. Ospite del BOH Baretti opera house di Torino per presentazioni periodiche di opere in video.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui