BOLZANO Sono passati quarant’anni dalla prima edizione del Festival Bolzano Danza. Quattro decadi di ininterrotta programmazione per un’indagine della danza di oggi a tutto tondo, di pari passo con i tempi, gli stili, le contaminazioni, le evoluzioni tecnologiche. Un compleanno-traguardo festeggiato con un’edizione denominata semplicemente “40”, in programma a Bolzano e dintorni dal 12 al 27 luglio, che chiama a raccolta artisti “amici” del Festival per un’esplorazione delle ultime tendenze della scena italiana ed europea racchiuse in un cartellone colmo di debutti assoluti, prime nazionali e coproduzioni. Più di trenta spettacoli, che dal palcoscenico si irradiano verso piazze, giardini, musei e montagne, per un programma diffuso e festoso pensato da Emanuele Masi, che saluta così il pubblico del Festival al termine del suo pluriennale mandato da direttore artistico di Bolzano Danza.

BOLZANODANZA-Conferenza Stampa-ph andrea macchia

“In occasione del traguardo dei 40 anni di Bolzano Danza – spiega Paul Gasser, Presidente della Fondazione Haydn – vorrei sottolineare quanto la manifestazione, dal 2015 in seno alla nostra Istituzione, sia centrale per il panorama culturale bolzanino e quanto negli anni si sia radicato il connubio tra il Festival e la cittadinanza. Che Bolzano covasse una spiccata vitalità nella danza si era intuito già dalle prime edizioni negli anni Ottanta del secolo scorso, vitalità nutrita con l’ampliamento delle proposte, con un indirizzo sempre più contemporaneo e l’attivazione di relazioni multidisciplinari con il territorio. Un progetto partito quaranta anni fa che la Haydn è orgogliosa di aver ereditato, a cui la direzione di Emanuele Masi, che in questa sede voglio ringraziare per il lavoro svolto, ha dato un imprinting chiaro e definito. Il Festival ha acquisito sempre più rilevanza nel panorama europeo, ha varcato i confini cittadini, ha attivato nuove sinergie, alimentando il dialogo con le altre attività della Fondazione Haydn. La danza, al pari della musica, ‘parla’ una lingua universale, unisce, esplora, muove il pensiero oltre al corpo. Alla Fondazione Haydn questo multilinguismo piace, e continuerà a coltivarlo”.

BOLZANODANZA-Conferenza Stampa-ph andrea macchia

Sull’idea che muove l’edizione è Emanuele Masi a parlare a partire dall’immagine scelta.
“Il paesaggio dolomitico e la sua natura – spiega Masi – restano non solo il cardine del visual dell’edizione, ma anche metafora del programma: dopo esserci rivolti al regno animale nel 2022 e al regno vegetale nel 2023, per Bolzano Danza 40 ci ispiriamo alla rappresentazione del regno minerale con la forza dei metalli, la brillantezza delle pietre preziose, la vertigine dei paesaggi naturali, oltre ai quattro elementi che forgiano leghe e gemme, aria, terra, fuoco e acqua. Vogliamo suggerire una rappresentazione icastica dei contenuti stessi del Festival: da un lato la qualità del movimento e della danza, dall’altro lo sfaccettato spettro dei sentimenti umani che emerge nel corso di questa edizione, ma che ha accompagnato, in filigrana, tutti i miei 15 anni di programmazione”.
https://www.bolzanodanza.it/programma

Articolo precedenteVicenza. Teatro Olimpico. Il concorso lirico Tullio Serafin assegna i ruoli dell’opera La Cenerentola di Rossini
Articolo successivoAmici della Musica di Riva del Garda. 68a stagione concertistica 2024
Laureata in Filosofia all'Università di Bologna e curatrice degli archivi comunali di Riva del Garda, ha seguito un corso di specializzazione in critica musicale a Rovereto con Angelo Foletto, Carla Moreni, Carlo Vitali fra i docenti. Ha collaborato con testate specializzate e alla stesura di programmi di sala per il Maggio Musicale Fiorentino (Macbeth, 2013), Festival della Valle d'Itria (Giovanna d'Arco, 2013), Teatro Regio di Parma (I masnadieri, 2013), Teatro alla Scala (Lucia di Lammermoor, 2014; Masnadieri 2019), Teatri Emilia Romagna (Corsaro, 2016) e con servizi sulle riviste Amadeus e Musica. Attualmente collabora con la rivista teatrale Sipario. Svolge attività di docenza ai master estivi del Conservatorio di Trento sez. Riva del Garda per progetti interdisciplinari tra musica e letteratura. Ospite del BOH Baretti opera house di Torino per presentazioni periodiche di opere in video.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui