Ben tornato
UN RITORNO ATTESO, BELLO, EMOZIONANTE

La “piazza” di Rovereto si distingue per l’attenzione all’innovazione, alla sperimentazione, all’impegno civile. E non poteva essere altrimenti, data la sua tradizione culturale e la connotazione di “Città della Pace”. Appuntamenti di estrema qualità e rigore, divenuti ormai un elemento imprescindibile della stagione roveretana e di grande apprezzamento su un pubblico sempre più vasto. A noi non rimane dunque che attenderli e applaudirli nel rinnovato teatro Zandonai. Un luogo che è da sempre nel “cuore” dei roveretani: luogo di cultura, di divertimento, ma anche di socializzazione, di incrocio fecondo di idee e di passioni civili. La stagione teatrale di Rovereto si caratterizza da anni per la diretta gestione da parte del Comune di Rovereto. Assessorato alla Cultura, proponendo scelte diversifiche ma sempre di estrema qualità  che offrono uno spaccato della drammatugia italiana. Dopo due anni di incerta e di sospensione delle attività ordinarie ecco che si definisce un cartellone, che nella sua essenzialità vuole riportare il pubblico a riprendere le consuetudini di frequenza teatrale.
Stagione Teatrale 2021-2022
https://www.teatro-zandonai.it/Programmazione


Ma non solo compagnie nazionali. Con Scenario Trentino del Coordinamento Teatrale Trentino lo spazio del teatro Zandonai offre una immagine di quanti operano nel territorio provinciale, nell’ambito del teatro professionale.
Scenario Trentino 2021-2022. Rovereto. Teatro Zandonai
(Lista degli spettacoli)

Articolo precedenteRiva del Garda. Amici della Musica. Quartetto Mascagni oltre la solita musica
Articolo successivoRovereto. Presentata l’edizione critica delle liriche per canto e pianoforte di Riccardo Zandonai
Laureata in Filosofia all'Università di Bologna e curatrice degli archivi comunali di Riva del Garda, ha seguito un corso di specializzazione in critica musicale a Rovereto con Angelo Foletto, Carla Moreni, Carlo Vitali fra i docenti. Ha collaborato con testate specializzate e alla stesura di programmi di sala per il Maggio Musicale Fiorentino (Macbeth, 2013), Festival della Valle d'Itria (Giovanna d'Arco, 2013), Teatro Regio di Parma (I masnadieri, 2013) e Teatro alla Scala (Lucia di Lammermoor, 2014; Masnadieri 2019) e con servizi sulle riviste Amadeus e Musica. Attualmente collabora con la rivista teatrale Sipario. Svolge attività di docenza ai master estivi del Conservatorio di Trento sez. Riva del Garda per progetti interdisciplinari tra musica e letteratura. Ospite del BOH Baretti opera house di Torino per presentazioni periodiche di opere in video.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui